YURY Quark vi illumina ancora su quanto l’uomo, nonostante abbia ormai fatto suo l’ambiente terrestre, sia sempre e comunque un animale. Alcuni comportamenti umani, che a volte premiamo come lampi di genio, non sono che residui della nostra sopita istintualità. Aiutarsi l’un l’altro in questo mondo individualista è sempre più una rarità. Per questo avete forse bisogno, sempre per rimorchiare, del supporto di un fido manachino coda lunga o di un babbuino.

 

Classica scena da bar: lei è seduta al bancone, prende qualcosa da bere; a questo punto spunti tu, ma non arrivi solo, infatti con te c’è la tua fedele spalla, quell’amico disposto a giurare il falso pur di farti rimorchiare.

Bene, nel regno animale di certo non esistono bar e banconi, ma le “spalle” ci sono eccome.

Il manachino coda lunga, Chiroxiphia caudata, è un uccello passeriforme che abita il Sud America e che per accoppiarsi adotta un rituale molto particolare. Durante la stagione degli amori, i maschi (riconoscibili perché coloratissimi) si sistemano in coppie per corteggiare le femmine. Il duo di seduttori richiama insieme la partner prescelta cantando e la fa avvicinare a un luogo adibito a posatoio da esibizione.

Da qui, sotto lo sguardo attento della femmina, i due maschi si lanciano in una serie di voli acrobatici combinati, per creare una coreografia che possa esaltare la spettatrice. Finiti i volteggi, la femmina può certificare il suo gradimento e la sua disponibilità all’accoppiamento e, così facendo, uno dei componenti del duo si allontana, la spalla, cioè il maschio che è stato identificato come beta e più giovane che regge il gioco al più anziano, il maschio alfa. Un giorno, quando il maschio alfa si ritirerà dalla piazza, il giovane beta prenderà il suo posto e avrà anche lui una spalla tutta sua.

Spalle meno disinteressate sono invece i babbuini, genere Papio, che stringono delle vere e proprie alleanze politiche per aggredire maschi di alto rango e defraudarli della proprie compagne. L’esemplare che si aggiudica la femmina è di norma quello che chiede aiuto alla spalla. Quest’ultima avrà poi modo di vedersi restituire il favore, assicurandosi l’aiuto del babbuino sostenuto in precedenza, per accaparrarsi un’altra femmina già occupata.

Fai come il babbuino. L’amore è solidale ultima modifica: 2014-05-02T20:04:03+00:00 da Filippo Schiavone